Punta San Vigilio luogo da fiaba

4 Dic 2018Luoghi0 commenti

Articolo originariamente pubblicato da Tullio Ferro, nella rivista Veneto ieri, oggi, domani; numero 02, febbraio 1990. L’autore ha scritto una trentina di libri, dedicati al Lago di Garda. Ne è quindi un profondo conoscitore. Non stupisce che Cibotto l’avesse chiamato a scrivere un pezzo su Punta San Vigilio, uno degli scorci più incantevoli del lago più grande d’Italia.

Dio Benaco

Forse fu una festa campestre, non certamente una tavola rotonda o un simposio di quelli che si organizzano oggi e ai quali partecipano politici, intellettuali, industriali, mercanti e moderni saltimbanchi.

“Se si svolge a Punta San Vigilio vengo anch’io”.

Era un po’ questa la voce di adesione all’invito del dio Benaco fatto ai quattro cantoni del mondo.

Ma ognuno degli invitati giunse per proprio conto, magari con l’amante, in ore, giorni, anni, secoli diversi.

In questo luogo -hanno sempre consigliato i saggi benacensi- bisognerebbe arrivare come un pellegrino, magari ansimando lungo la strada che sale da Garda.

A destra la montagna amica, che ripara il golfo dagli spifferi del gigante Baldo, a manca il lago sempre increspato perché è su questa linea che il virgiliano Benaco da fiordo si apre in azzurra distesa marina e si dà molte arie…

Luogo da favola

Ecco le lance dei cipressi che sovrastano il pulviscolo verde tenue degli ulivi, il lucente alloro che delimita prati e giardini in digradante corsa verso il lago, le palme ondeggianti sopra l’antico muro di cinta.

Dai ferri battuti del cancello coronato s’intravede il bel giardino all’italiana, disegnato nel ‘700, si ode qualche passo sulla ghiaia. Qui il patrimonio di voli è sgargiante.

Per udire lo sciabordìo dell’onda c’è ancora tempo. Il viandante deve prima percorrere l’antico selciato levigato dal passo dei secoli, raggiungere un campiello con il cielo disegnato da vòlti di pietra e in cotto.

Lasciate le architetture d’ombra, ecco la luce del lago, il respiro lento dell’onda infranta dalla Stella, scoglio che fu un tempo leggiadra fanciulla, così almeno canta un antico poema benacense.

Quì è impossibile non avvolgersi nella mitologia, nella leggenda, quindi nella poesia, che si respira in ogni lembo di paesaggio dove c’è il ricordo di Ninfe, Driadi, Naiadi (qualcuna si è trasformata in acqua minerale come la Tavina).

E chi mai dimentica quel congresso di dei, tutti con la seconda casa sul Garda, facili e salottieri tradimenti e con prole illegittima, anche perché lontani dagli occhi indiscreti di Giove?

Fu proprio San Vigilio che, senza tanti complimenti, li mandò tutti a quel paese.

Piano piano, dopo secoli di buen retiro, dal Benaco se ne andarono Apollo, Nettuno, Saturno, Minerva, Bacco, Mercurio, Cerere, per ricordare solo i più potenti.

Per le divinità locali ci fu un occhio di riguardo, tanto che il dio Benaco regnò indisturbato ancora per molto tempo, almeno fino all’arrivo delle diaboliche macchine dei cementeri.

Devozione ci fu pure per Ripino, il dio delle rive, oggi purtroppo in grosse difficoltà per l’abnorme fiorire di alghe.

San Vigilio

Dopo la stagione d’oro degli dei, i quali -va detto- esagerarono con lussi e sperperi per templi, are, lapidi e targhe, mentre mantenevano il mitico carpione con bocconi aurei, ecco gli eremiti, i predicatori della nuova fede, i santi.

Vengono demoliti o riciclati i templi pagani e in quest’opera si da un gran daffare Vigilio, appena giunto da Roma.

Vigilio fu Vescovo di Trento (385-402) dove venne condotto assieme ai fratelli Claudiano e Magoriano dalla madre Massenza.

Fu là che, tra i pochi cristiani che formavano la chiesa trentina, Vigilio emerse per fervore di fede. Così che, morto il Vescovo Abbondanzio, egli fu designato a sostituirlo. Allora, aiutato da tre emigranti d’oriente, Martirio, Sissino e Alessandro, egli cominciò nel Trentino la sua predicazione.

Ma i pagani della Val di Non, l’Anunania, uccisero i suoi tre compagni.

A tale notizia, Vigilio, raccolte le reliquie dei martiri, dopo averle mandate a Simpliciano, Vescovo di Milano, si recò in Val Rendena e con l’aiuto di alcuni fedeli abbattè e gettò nel fiume Sarca una statua di Saturno, montando quindi sul piedistallo per parlare alla gente.

Ma quei montanari gli furono addosso e lo lapidarono.

Allora i popolani del territorio bresciano corsero armati per ottenere dai trentini il corpo del Vescovo.

“Ma -come scrive uno storico- non ebbero che, carissimo dono e santa reliquia, un vaso del sangue del martire che portarono in patria, dove poi Dio compiacquesi onorarlo per copia di miracoli.”.

Beatus ille qui procul negotiis…, che liberamente si può intendere: Beato colui che può starsene lontano dalle preoccupazioni materiali dell’esistenza.

Questa fu l’aspirazione e quindi il programma dell’umanista Agostino Brenzone, avvocato in Venezia, nel realizzare la villa a Punta San Vigilio.

Opera compiuta fra il 1538 e il 1542 su disegno di Michele Sanmicheli, il grande architetto veronese.

Questi firmava ogni suo atto con modestia eccessiva, ma con fraseologia schiettante veronese ‘Michel scarpelìn’, mentre non si accingeva ad alcuna impresa di rilievo senza far prima cantare una Messa.

La Villa della Punta

Il Brenzone acquistò il sito in data 23 novembre 1538 dal nobile veneziano Nicolò Barbaro, capitano del lago, di nomina veneta dal 1516 al 1530, per 900 ducati da sei libbre e soldi 4.

Nel prezzo era compreso anche un pubblico Hospitio a commodo dei Passeggieri. Egli amò crearsi sulle rive del Garda un asilo dove potersi ritirare per momenti di studio e di riposo in compagnia di geniali amici, tra i quali Pietro Aretino e con lui Tiziano e il Sansovino, come lasciano intendere le cronache del tempo.

Qui compose il Della vita solitaria.

Di quel vivere in villa abbiamo una leggiadra testimonianza in le ‘Dodici giornate’ di Silvan Cattaneo, manoscritto compilato nel 1553, ma dato alle stampe solo nel 1754 per interessamento di Domenico Polotti.

Per dirla in breve, la sostanza delle Dodici giornate immaginate dal Cattaneo, è che alcuni amici si trovino alla fine di luglio nella casa del conte Fortunato Martinengo, e decidono di trascorrere insieme un lieto ma non dissipato periodo di riposo in gita sul Garda.

“Ragionato e cantato fu per quel poco di tempo, che da Torri a Punta San Vigilio si stette, tanto che vicino a sera gli giungemmo, dove dal Dottore fummo con lieto viso accolti liberissimamente, e dalla sua brigata. Smontammo all’albergo vicino al lago, dove è l’Osteria, e per una specula bellissima, quale quasi tutto’l Benaco discuopre, entrati dunque dentro tutti nel Palagio insieme al Conte, e con il Dottore ci condusse doppoi l’averci mostrate tutte le stanze sopra una riguardevole loggia. Pervenuti al fin della cena, e partiti tutti li servitori, il Signor Capoano con una lira, e Messer Federico con un liuto ambedue cantarono per una buona pezza alcune loro amorose rime…”

L’invito…

E sotto il busto dell’ospite ideatore di questo asilo ecco l’invito scolpito in lettere latine:

“Nel tempo venera Iddio – Lascia le cure in città – manda via le donne e i loro capricci… il buon nome del luogo sia legge suprema”.

Questo luogo, che sembra un dipinto rinascimentale, presenta la piccola ‘Baia delle Sirene’, lo scoglio prospiciente il porticciolo fatto a conchiglia, la villa, la locanda, la chiesetta, lo scenario di fondo offerto dalla natura, dove la possente mole del Monte Baldo, alla presenza del lago, addolcisce le sue asprezze e si ammanta di verde.

Baia delle Sirene

Qui un tempo c’era un Nettuno e -secondo lo storico Giuseppe Trecca- il nume pagano male stava con San Vigilio nella biplana chiesetta, ultimo ricordo e avamposto della diocesi trentina, dove un San Giovanni Nepomuceno veglia sull’acque, indicendo silenzio. Sul porto in bassorilievo, San Marco, auspice Vigilio, dà al Benaco l’anello d’argento, come a Venezia d’oro al mare.

Nettuno, portato dai delfini, è finito in fondo al Lago.

Ecco, poi, Adamo ed Eva di Girolamo Campagnola, il giardinetto di Venere e il bassorilievo di Apollo e Dafne.

Altre sculture popolano il luogo dove il Petrarca piange con due zampilli a irrorare un lauro.

Un sacelloPiccolo recinto circolare o quadrato, con un altare, che nell'antica Roma si dedicava, spec. da privati, a divinità protettrici; nell'architettura cristiana, chiesetta o cappella costruita con particolari caratteristiche e destinazioni devote -avverte ancora il Trecca- accoglieva l’urna di Catullo, mentre nel belvedere, pensosi, se ne stanno dodici busti di imperatori romani, trasportati non si sa come a Punta San Vigilio nel Cinquecento, durante il sacco di Roma.

Personaggi

 

Teste coronate

In questo piccolo Eden, un chilometro quadrato di promontorio proteso sul Benaco marino, hanno trovato ospitalità e asilo personaggi di cui il tempo ha fatto scordare il nomi.

Si ricordano invece, i soggiorni di diverse teste coronate: Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, moglie di Napoleone I, imperatrice dei francesi, poi duchessa di Parma, nel 1816; l’imperatore Alessandro di Russia nel 1822 (qui, centocinquant’anni dopo, sarebbe giunta la figlia di Krusciov); il re di Napoli nel 1823.

Lo scienziato tedesco Otto Hahn, premio Nobel, uno dei padri dell’atomica, nel 1913 vi trascorse un paio di mesi in luna di miele, come ricorda una targa marmorea qui murata.

D’Annunzio

Nessuna lapide invece, a memoria degli incontri di D’Annunzio con la ventisettenne marchesa Alessandra di Rudinì, allora vedova da tre anni di Marcello Carlotti di Garda e madre di due figli.

In prossimità di Punta San Vigilio, a Villa Scaveaghe, D’Annunzio e la Rudinì, che per la sua bellezza il poeta ribattezzò Nike, nell’estate del 1904 trascorsero una spensierata vacanza.

E proprio da questa dimora gardesana, mesi prima, Alessandra aveva scritto al suo amante:
“Ho la mente, il cuore, i sensi pieni di voi. Mi avete rivelato l’amore.”

Marchesa Alessandra Di Rudinì

Fino a pochi anni or sono [sempre rispetto al 1990. N.d.R.] erano i vecchi pescatori di Garda che raccontavano delle romantiche passeggiate dei due amanti:
“Andavano in carrozza con tiro a quattro sulla strada bianca per Punta San Vigilio. Era bella, bionda, e aveva gli occhi celesti, ma poi pagò, pagò, la poveretta!

Perse i due giovani figli Andrea e Antonio, e poi si ammalò. Abbandonata da D’Annunzio, finì carmelitana scalza”.

Le cronache del tempo ci dicono che nel 1911 la marchesa di Rudinì si ritirò nel convento francese di Paray-le-Monial col nome di suor Marie de Jésus.

Essa morì nel 1931, in fama di santità, nel Carmelo della Montagna.

Qui si narra che la decisione di prendere i voti per la marchesa Alessandra sia maturata durante una visita al vicino eremo dei Camaldolesi, dove era riuscita a entrare travestita da uomo.

Infatti nei pressi dell’ingresso del convento c’è questa scritta:
“Le donne, sotto pena di scomunica –latae sententiae– non possono passar più oltre”.

Winston Churchill

Nel 1949 qui giunse e alloggiò Winston Churchill, in veste di pittore, che nominò il colore dell’acqua della baia ‘azzurro Madonna’.

Il famoso statista inglese approdò alla locanda di Punta San Vigilio, allora gestita da mister Leonard Walsh, con tele e tavolozza.

I cronisti del tempo favoleggiano non tanto sull’abilità artistica del pittore nel ritrarre paesaggi gardesani, bensì sulle sue intenzioni di impadronirsi delle lettere scambiate con Mussolini.

Ambasciatore inglese Mr. Cooper

Dopo sir Winston, negli anni Cinquanta, ecco un’ondata di corrispondenza rosa da Punta San Vigilio in occasione delle vacanze di un altro inglese, l’ambasciatore Mr. Cooper in compagnia della bellissima moglie.

Il luogo richiamò allora frotte di turisti inglesi, desiderosi di portare a casa come souvenir una foto della porta del paradiso, dove un loro conterraneo, mister Walsh, preparava stupendi piatti di spaghetti e il mitico carpione, per gente in dimestichezza con la celebrità o con quattro quarti di nobiltà.

Egli, una sera -almeno così si racconta- venne sorprendentemente gabbato da un motoscafista sirmionese in compagnia di una bella cameriera.

Si erano fatti annunciare come due famosi ballerini impegnati all’Arena di Verona.

Vivien Leigh e Laurence Olivier

Fu poi la volta della più celebre coppia del cinema di quegli anni: Vivien Leigh e Laurence Olivier, che portarono a Punta San Vigilio una ventata di turbamenti.

“Eccoli dietro quella tendina rosa. Si stanno baciando. Sono proprio loro!”.

Erano i commenti di giovani che a bordo di barche doppiavano lo scoglio della Stella.

Andrè Gide

In quegli anni a Punta San Vigilio apparve pure André Gide, che aveva preso alloggio all’Hotel Gardesana della vicina Torri del Benaco.

Qui il grande poeta francese, fresco premio Nobel, scrive sulla dolcezza del paesaggio e sulla luce che lo esalta: “Io non avevo ancora visto una così lunga serie di bei giorni, così splendidi…”, era l’estate del 1948.

Successioni ereditarie

“Ordino, comando e voglio che mio nipote Guglielmo Guarienti aggiunga al suo cognome quello di Brenzone. Solo allora potrà ereditare la casa di Punta San Vigilio.”.

Così scriveva nel testamento, Agostino Vincenzo Brenzone, steso nel 1860, perché potesse perpetuarsi il nome dell’antica famiglia comitale benacense.
Oggi [1990. N.d.R.] il padrone di Punta San Vigilio è Guglielmo Guarienti di Brenzone.

Egli sposò Vittoria Calvi di Bregolo, nozze celebrate nell’aprile del 1947 ad Alessandria d’Egitto, dove la contessa Vittoria viveva con i Savoia in esilio.

Era ella infatti, figlia di Jolanda di Savoia e di Giorgio Calvi di Bergolo.

“Si tratta di persone assai affabili e democratiche”, commenta chi ben conosce la famiglia Guarienti di Brenzone, tanto che dopo la scomparsa di mister Walsh, il conte Guglielmo e Vittoria presero a gestire loro stessi la locanda più famosa del Lago di Garda, frequentata -come si è detto- da una clientela internazionale.

Dopo il 1985, anno in cui morì la contessa Vittoria, alla locanda pensò il figlio Agostino, coadiuvato dalla moglie Gemma Sagramoso, splendida ragazza bionda dagli occhi verdi.

Anche il Principe Carlo

Negli anni recenti si ebbero altri momenti di notorietà per Punta San Vigilio, soprattutto negli ultimi giorni di agosto del 1986 quando giunse qui il principe Carlo di Galles, erede al trono d’Inghilterra.

Ad accoglierlo c’erano ovviamente i suoi amici ospiti: il conte Agostino Guarienti con la moglie Gemma, il fratello del conte, Guariente Guarienti, il principe Enrico D’Assia, i principi del Liechtenstein e la contessa Schonberg.

Il principe Carlo occupò una stanza con vista sul lago, la n. 7, la stessa dove soggiornava Winnston Churchill.

Questa la prima impressione riferita ai cronisti che lo attorniavano:

“È la prima volta che visito questi luoghi, ma ho sentito sempre molto parlare del Lago di Garda e di Punta San Vigilio, e sono felice di essere finalmente venuto di persona a visitarli.”.

Pessima figura

Dopo quella visita era impossibile che non corressero le voci: “È vero che Carlo d’Inghilterra vorrebbe acquistare San Vigilio?”.

Il conte Agostino Guarienti si affrettò a dichiarare che nei tempi moderni per primo fu l’imperatore Francesco Giuseppe d’Austria a proporsi per l’acquisto, seguito dagli immancabili magnati americani.

Ma la dimora Guarienti di Brenzone non si tocca.

Quindi precisò che al principe del Galles non interessava l’acquisto della villa di Punta San Vigilio.

Poi ci fu il gran rifiuto da parte del Consiglio Comunale di Garda (in pratica si trattò di tre consiglieri di minoranza) della cittadinanza onoraria al principe Carlo.

A registrare questo no a Carlo d’Inghilterra, sul finire del 1986, si precipitarono in fretta i corrispondenti di non pochi giornali inglesi, americani e tedeschi.

Servizi sono apparsi sul Sunday Times, Daily Mirror, National Inquirer, senza contare quelli italiani.

Uno dei reprobi ebbe a dire: “Sono sempre stato repubblicano, se dovevamo nominare qualcuno cittadino onorario, era preferibile un premio Nobel.”.

Re Juan Carlos

Dal 21 al 23 aprile 1989, a Punta San Vigilio soggiornò re Juan Carlos di Spagna.

Egli giunse sul Garda per provare la stupenda barca a vela ‘Bribon’ (birbantello), costruita da Gianni Dal Ferro nel cantiere di contrada San Bernardino, a Garda.

A causa di una di quelle bufere che soltanto il Benaco sa metter su per i naviganti coraggiosi, i giornali uscirono con titoli come: “Juan Carlos ha rischiato il naufragio”.

Per lo scampato pericolo, e con il re di Spagna inzuppato fino al midollo, a San Vigilio si brindò con un calice di vino gardesano.

Concludendo…

Punta San Vigilio: da un santo alla cronaca rosa; dai dispettucci politico-municipali a qualche scampolo di mondanità.

Poi dallo scoglio della Stella un tuffo regale nell’acqua azzurro Madonna.

Tutti se ne sono andati, lasciando le antiche figure di marmo in compagnia di fantasmi.

Qui il volo di un gabbiano sul lago ha suggerito a Jean Tardieu:

“Sai che cos’è questo tempo che passa? / È solo un uccello il suo riflesso / Il presente come ricordo / Ergo sum come si spera…”.

Punta San Vigilio

Condividi…

Iscriviti allaNewsletter

Iscriviti allaNewsletter

Inserito nella mailing list, riceverai le nuove pubblicazioni di Veneto da Vedere.

La tua iscrizione è andata a buon fine

Pin It on Pinterest

Share This